CORSO BASE DI CANTO POPOLARE

In autunno riprendono i corsi di canto popolare all’Arci Corvetto, condotti da Livia Brambilla e da altri maestri-ospiti che arricchiranno alcune lezioni con i loro contributi.

Cantare, come sapete, fa bene al corpo e allo spirito…
E’ possibile in qualunque momento partecipare ad una lezione di prova.

Martedì 9.10 ore 20.30: Corso Base
Mercoledì 10.10 ore 20.30: Corso Avanzato
Per informazioni e dettagli: http://www.vocidimezzo.itinfo@vocidimezzo.it

Breve descrizione e obbiettivi: 
Il corso prevede una parte teorica generale (elementi basilari di lettura dello spartito, ritmica, respirazione, emissione) e una parte di repertorio, che consiste nell’apprendimento di canti della tradizione popolare a più voci, ma anche nell’esplorazione storica e sociale del contesto di riferimento. Il corso è strutturato in modo che ciascun modulo possa essere seguito indipendentemente dagli altri e che ci si possa inserire facilmente anche a corso iniziato. Ogni lezione si compone di una parte teorica/preparatoria e in una parte pratica, il cui peso varia in base al livello di preparazione degli iscritti, valutato di volta in volta dall’insegnante.
Attenzione: Il corso comincerà solo se si raggiunge il numero minimo di partecipanti.

Altre informazioni: Alla base di tutte le proposte didattiche dell’Associazione vi è un presupposto fondamentale: il canto popolare è canto di gruppo. Il che non significa necessariamente che l’esecuzione debba sempre essere corale (il repertorio del canto popolare è ricchissimo di grandi solisti) ma che il senso del cantare si completa veramente solo in una dialettica di relazione con una collettività, con una comunità di riferimento. Per questo il metodo proposto, sperimentato e affinato da Angelo Pugolotti nel corso di anni di insegnamento, non può prescindere dalla dimensione collettiva. Il primo sforzo richiesto a ciascun partecipante non riguarda tanto l’intonazione, la lettura dello spartito o la tecnica di emissione, quanto piuttosto la disponibilità a sperimentare una dimensione ormai quasi completamente perduta, soprattutto in una società che vede affermarsi un modello sempre più basato su comportamenti individualisti e competitivi piuttosto che cooperativi e solidali. Molto più che la relazione diretta con un “esperto”, e con il suo bagaglio di conoscenze ed esperienze, sarà quindi quella con il gruppo stesso, sotto la guida dell’insegnante, a fornire a ciascuno gli strumenti per apprendere un uso migliore della propria voce. Attenzione e ascolto degli altri sono attitudini che si apprendono e si sviluppano nell’atto stesso di un cantare insieme consapevole. Del resto tra le “regole di vita musicale” di Robert Schumann, insegnante di musica oltre che compositore, ve n’è una che recita: “Cerca di cantare in coro, soprattutto nelle voci di mezzo: questo ti renderà musicale”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...